Italia Anno Zero

Siamo uno strano paese, questo lo sappiamo tutti, e a volte mi viene il dubbio che la constatazione venga accompagnata dal sorrisetto soddisfatto tipico di chi si sta vantando, anche se non c’è nulla per cui farlo.
Siamo un paese che dà più importanza alle polemiche televisive che non alle faccende reali, che adora far polemiche sterili, e più sono stupide più ci piacciono. Un Paese in cui tutti sappiamo bene cosa bisogna fare, come si dovrebbe fare per far girare le cose per il verso giusto, ma nessuno riesce a farlo, anche perchè nessuno riesce a convincere nessuno. Si nasce con una opinione e si muore con quella, sia quella che sia.
Siamo un paese di santi navigatori e opinionisti, dove ognuno dice la sua su qualsiasi argomento, anche se non ha nulla da dire, anche se fà il giardiniere e si sta parlando di fisica nucleare. Pure io, certo. D’altronde sono italiano e anch’io sono ammalato di opinionite, per cui dico la mia, anche se non avrei nulla da dire.
Perchè in fondo cosa ne so io di terremoti e di cosa bisogna fare per prevenire i danni, o di come si governa un paese, per dire. So però che se fossi un amministratore pubblico, e mi arrivasse una informativa che denunciasse dei rischi per la comunità derivante da eventuali probabili scosse, forse mi preoccuperei. Forse. Se l’eventuale dolo ricadesse sulle mie spalle certo mi preoccuperei, ma il fatto è che prima di me, o sotto di me, o affianco a me c’è sicuramente qualcuno su cui scaricare la responsabilità. Non lo dico perchè lo farei, lo dico perchè si fà, e non in cattiva fede.
Per dire, arriva una informativa come questa e poco ma sicuro chi l’ha letta ha trovato tra le righe della stessa il modo per non poter intervenire, perchè di competenza magari della Provincia, o della Regione, o del Governo, o del Comune, o dell’ufficio di fianco, o del compagno di scrivania, ma non sua, e comunque non solo sua.
Poniamo che vorresti intervenire, fare qualcosa: dopo poco ti accorgi che sei impossibilitato a farlo. Troppe pastoie burocratiche, oppure troppa gente da interpellare, oppure c’è la scusa dei soldi che mancano, o che ora la priorità è la Sagra della Trippa e del Limoncello e i soldi sono destinati a questo, perchè nell’immediato portano soldi che adesso mancano e chissenefotte di domani.
Sono esempi stupidi, ma credetemi, è così che va. Il guaio è che va così in tutte le attivita italiane, sia pubbliche che private.
Qui nessuno ha responsabilità di nulla perchè le responsabilità sono talmente frazionate che alla fine tutti hanno colpa e tutti hanno ragione, o nessuno ha colpa e nessuno ha ragione. Se ci pensate vi accorgerete che è così dappertutto, in ogni ambito, in ogni settore, in ogni faccenda di questa Italia.
Questo Paese è malato alla radice di immobilismo e di irresponsabilità, intesa come mancanza di responsabilità. C’è qualcuno davvero responsabile di qualcosa? No, ognuno ha la sua scusa e siamo tutti così: come bambini abbiamo bisogno di qualcuno che ci guidi, perchè da soli non ce la facciamo, e se combiniamo qualche cazzata, che ci vuoi fare, so criature!
Forse siamo stati un gran popolo, quando ancora eravamo sotto mille padroni forse lo eravamo. Dico forse perchè anche lì, centocinquanta anni fa non è che avessero le idee ben chiare su cosa si dovesse fare: una Italia repubblicana o con una monarchia illuminata, sotto un re o sotto il Papa, una federazione o uno stato unitario? Alla fine qualcuno decise per tutti e si andò avanti, ma, come si dice a Napoli, fù come dare ‘o pazziariello ‘mmano a ‘è creature, il giocattolo in mano ai bambini. Oggi, centocinquanta anni dopo, il giocattolo non funziona più, e quello che era un popolo bambino non è mai cresciuto.
Una volta si diventava adulti dopo che la vita ti metteva di fronte a qualche trauma. Di quanti terremoti abbiamo ancora bisogno per crescere?
Annunci

8 Risposte

  1. Nella puntata del 9 aprile di Anno Zero, gli ospiti politici (Guido Crosetto del PDL, De Magistris, candidato alle europee con L’Italia dei Valori, l’esponente di Sinistra e Libertà Claudio Fava) hanno tutti richiesto a gran voce che vengano una buona volta fuori i nomi di chi ha speculato. E che i “proprietari” di quei nomi – responsabili delle tragedie – vadano in galera, una volta per tutte. Spero sia così.Ma ieri sera un servizio di “Striscia” affrontava il problema della sicurezza degli edifici, e si parlava di una scuola.Il costruttore, poiché da campionature del calcestruzzo era venuto fuori che la mescola aveva solo il 50% di quello che doveva avere, dava la colpa al fornitore del calcestruzzo. Quest’ultimo (non apparso) ha fatto sapere che quando si consegna il calcestruzzo, si fa un cubo alla presenza di chi lo acquista, si fanno delle prove di “tenuta” e lo si firma. Quindi, se qualcosa è andato storto, la colpa è del costruttore…Da Erode a Pilato, come dici tu.Scusa la prolissità, ma volevo segnalarti il link…

  2. @ Bastian: gazie per il link. Non guardo mai Striscia per cui non l’ho visto.Ad ogni modo questo “sistema” lo puoi applicare a qualsiasi cosa qua da noi. Manchiamo di senso di responsabilità e di coscienza, per sovrappiù, perchè speculare su certe cose è di chi una coscienza non ce l’ha.

  3. ………E di quanti altri morti abbiamo bisogno per capire?Ciò che manca è la responsabilità civile e morale…fino a quando questa responsabilità non ci “appartiene” saremo sempre a fare conti con “fantasmi” autorizzati e legalizzati……ed il primo ad essere un irresponsabile è lo Stato..uccide con tutto…con gli edifici mal costruiti..con le carceri..con una giustizia che fa acqua…con ricostruzioni a buon mercato…l’elenco potrebbe continuare..ma non vglio essere trppo prolissa…un aluto

  4. @ Upupa: perfettamente d’accordo. Purtroppo, aggiungerei.

  5. Siamo stati un gran popolo o forse, molto più semplicemente, siamo sempre stati un popolo che ha prodotto qualche grande uomo in mezzo a miriadi di ominicchi? Io propenderei per la seconda, anche perchè oramai gli ominicchi la fanno da padroni…

  6. @ Russo: In effetti il mio dire che siamo stati un gran popolo cominciava con un forse lo siamo stati, cosa di cui dubito molto. Per essere un popolo intanto manca quella coesione che da altre parti hanno, per senso di appartenenza a un qualcosa: qui siamo troppo individualisti per poter parlare di popolo. E purtroppo la maggioranza di queste induvidualità non mi sembrano granchè.

  7. Sorge il dubbio che non cresceremo mai.Io, da bravo opinionista, ripeto di continuo la solfa del Paese dove nessuno è mai colpevole e, di conseguenza, siamo tutti colpevoli.Questo andazzo fa comodo a tutti perchè l’irresponsabilità e l’impunità, prima o poi, potrebbeeo fare comodo anche a me, a te, ai miei amici…Infantili o in malafede questa natura congenita del nostra Paese sembra profondamente radicata, lo è talmente che anche i lutti non portano altro che lamenti estemporanei e passeggeri, falsi e ipocriti, perchè vogliamo rimanere senza colpe, senza responsabilità.Siamo un paese dove nessuno sbaglia mai. E’ comodo, perchè cambiare?Sussurri obliqui

  8. @ Prog: tutto vero. Perchè cambiare? Non lo so. Per orgoglio, forse, se questo fosse recepito da tutti, o semplicemente perchè non si può rimanere bambini a vita, e nemmeno giovani a vita. So che è una operazione difficile, specie se siamo governati da uno che i cambiamenti del tempo li rifiuta. Però nel corso della vita dovrebbe arrivare per tutti l’assunzione di responsabilità, e se estendi il discorso questo vale anche per un popolo. Ci sarà pure un momento in cui non ne puoi più di happy hour e di baldoria in disco! O sbaglio?

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: